lunedì 5 novembre 2007

strisciante, maurizio mosca

video


Nome: Maurizio
Cognome: Mosca
superphylum: acelomate
Phylum: Platyhelminthes
Classe: Cestoda
Ordine: Cyclophyllidea
Famiglia: Taenidae
Genere: Taenia

La tenia Maurizio Mosca è un tipico platelminta endoparassita. Vive all'interno di una trasmissione televisiva ospite, dove immersa in una cozzaglia di inutilità, faziosità, paraculismo ed ignoranza, vive e si riproduce. Dall'ospite intermedio, che è la televisione (la preda più ambita è
generalmente "Controcampo"), la tenia Maurizio Mosca passa quindi alla sua preda finale, quella in cui si stabilirà definitivamente: l'ignaro telespettatore seduto sul divano di casa propria. Attraversando milioni di tubi catodici simultaneamente, le piccole oncosfere contenenti le minuscole larve della temuta tenia, si propagano senza lasciare via di scampo.

L'impatto del platelminta endoparassita con l'ospite finale è anestetizzante. La vittima è dapprima indotta a non dare rilievo ai primi sintomi di evidente "imbarazzo di stomaco" e ai primi moderati moti armonici dei genitalia masculina externa. Ma malattia è degenerativa. A volte l'istinto animale autoprotettivo dell'esemplare maschio seduto sul divano è in grado di far lanciare in tempo dal proprio cervello efferenze atte a scongiurare la situazione di pericolo, mediante output motori che facciano premere il tasto del telecomando per cambiare canale prima che sia troppo tardi. Ma non tutti gli esseri umani ne sono in grado. Ed è lì che la spietata tenia Maurizio Mosca colpisce, viscida e meschina. L'infestazione delle oncosfere di cazzate prosegue imperterrita provocando nell'esemplare maschio nausea, colate di vomito, senso di impotenza ed encefalite cronica. Si va ad insediare nel cervello degli individui che colpisce, aggrappandosi alle pareti; da qui produrrà poi un gran numero di segmenti corporei, "proglottidi", divenendo lunga anche più di un metro. Scopo ultimo, l'attacco senza pietà di ogni neurone cui va imbattendosi. La tenia Maurizio Mosca porterà alla morte dopo un certo periodo, dopo l'abbattimento di tutti i neuroni dell'esmplare maschio contaminato.


Technorati technorati tags: , , ,

Nessun commento: